RISTRUTTURAZIONE DI FABBRICATO PLURIFAMILIARE

SCHEDA TECNICA

Progettazione:
lavorincorso-studio

 

Cliente  Alfa 2012 s.r.l.
Progettazione  2012
Costruzione 2013
Dimensione area  600mq

 

Visualizza le Tavole
Tavola 1 – Tavola 2 

Ristrutturazione di fabbricato plurifamiliare/ lavorincorso-studio

Trattasi di un edificio terra-tetto ubicato fra la Via Carraia, Vicolo della Lupa e cortile di altra proprietà. Al piano terra vi sono alcuni fondi commerciali ed un ingresso condominiale da cui si dipartono le scale per l’accesso ai piani superiori, che si compongono ad ogni livello di 2 appartamenti, per complessivi 6 appartamenti. Dall’ingresso condominiale si accede anche ad una cantina che occupa una porzione del piano interrato dell’edificio. Vi è infine un piano sottotetto, solo parzialmente praticabile, raggiungibile tramite una botola situata all’ultimo piano. Il vano scale è illuminato da un ampio lucernaio posto in copertura e nel solaio sottotetto. La struttura dell’edificio è costituita da pareti portanti in muratura mista relativamente alle strutture perimetrali di spina, mentre le murature divisorie interne, di modesto spessore, sono composte perlopiù da mattoni pieni in laterizio. I solai sono prevalentemente a voltine, salvo alcuni solai a volta situati al piano terra ed interrato, ed alcuni in legno al piano secondo e terzo.

 L’intervento progettato prevede:

a)       la ristrutturazione con cambio di destinazione del piano terra da commerciale ad ufficio, abitazione e deposito, con risanamento dell’intera superficie mediante scavo, realizzazione di solaio areato e isolato dal terreno tramite cupolex;

b)       la ristrutturazione dei sei appartamenti posti ai piani superiori mediante il consolidamento dei solai, la riorganizzazione funzionale  interna degli spazi e la riqualificazione igienico-sanitaria degli ambienti;

c)       l’inserimento dell’ascensore di collegamento che corre dal piano terra fino al piano terzo;

d)       il rifacimento della copertura con consolidamento del solaio sottotetto;

e)       il risanamento della cantina al piano interrato mediante pulizia dei locali, ripristino e/o riparazione di intonaci e pavimenti;

f)        il rifacimento di tutti gli impianti elettrici, termoidraulici, sanitari e di smaltimento dei liquami con predisposizione per climatizzazione e antintrusione;

g)       il restauro di tutte le facciate esterne, degli infissi esterni e interni, nonché il rifacimento, previo consolidamento delle componenti strutturali, dei terrazzi retrostanti esistenti.