Ristrutturazione appartamento – Copertura e nuovo soppalco in legno

SCHEDA TECNICA

Progettazione:
lavorincorso-studio

 

Cliente  Privato
Collaborazione  Studio RT Associati

Progettazione  2009
Costruzione settembre 2009 – dicembre 2010

Superfice appartamento  65 mq

 

Visualizza le tavole

Tavola-1   Tavola-2   Tavola-3

CLASSICO CONTEMPORANEO / lavorincorso-studio

Un nido appollaiato sui tetti del centro storico di Firenze.

Questo è in sintesi il valore dell’opera realizzata in questo caso: un piccolo appartamento, posto all’ultimo piano di una palazzina storica, che svetta al di sopra dell’edificato circostante in questo angolo magico ed ancora genuino del centro storico della città di Firenze. L’immobile versava, all’acquisto, in pessime condizioni sotto tutti i punti di vista: strutturale, impiantistico ed in relazione alle finiture. Gli spazi ristretti, poi, suggerivano la ricerca di una nuova distribuzione delle funzioni ed eventualmente la creazione di nuovi ambienti, sfruttando l’ampio volume sottotetto. Lo studio lavorincorso, in collaborazione con lo Studio RT Associati, si è occupato in questo caso delle opere strutturali, ovvero quel complesso di lavori il cui risultato rappresenta il solido sottofondo sul quale poggiare ogni altra funzione della costruzione. In particolare i lavori svolti hanno interessato il consolidamento totale del solaio di calpestio dell’appartamento, con l’impiego di tecniche rispettose della storia dell’immobile e delle peculiarità delle strutture preesistenti, che prevedevano quindi il riuso totale di travi e travicelli lignei sottostanti ai quali è stato collegato il nuovo massetto alleggerito, dotato di rete in acciaio di ripartizione dei carichi e connesso a sua volta alle murature perimetrali. Il piano di appoggio dei nuovi strati di solaio è stato mantenuto nella sua consistenza originaria, costituita dalle pianelle esistenti in cotto, che sono state integralmente riutilizzate. La peculiarità di questa lavorazione è stata l’attenzione, posta durante l’esecuzione di ogni singola fase, a tutelare le condizioni dell’appartamento sottostante, abitato da altri condomini, affinché nessun disturbo venisse loro arrecato, sia sotto forma di materiali, che potessero accidentalmente filtrare attraverso il solaio, sia per quanto riguarda eventuali rumori eccessivi. Un altro aspetto importante relativo alle strutture è stato l’impiego di consolidamenti mirati di porzioni di muratura portante in mattoni, attraverso l’applicazione di doppio strato di betoncino armato; questo ha permesso anche di agire in sicurezza nei casi in cui sono stati attuati ampliamenti o riaperture di porte e passaggi esistenti. Al fine di aumentare la superficie utile dell’appartamento, il progetto architettonico prevedeva la realizzazione di un nuovo soppalco ligneo, da inserire in corrispondenza del punto di colmo della copertura e quindi di massima altezza dell’immobile. Le strutture adottate per l’esecuzione del soppalco hanno previsto l’impiego di una trave in acciaio a sezione tubolare, di forma rettangolare e dimensioni 180x140x8 mm, incastrata in una delle due pareti perimetrali ed appoggiata, con asola, nella parete contrapposta. Sopra tale struttura sono stati inchiodati travicelli in legno massiccio di abete, aventi sezione quadrata 10×10 cm, uno strato soprastante in tavolato di abete di spessore 4,2 cm ed infine la pavimentazione in parquet. Una scala autoportante in acciaio è stata installata in aderenza ad una delle pareti laterali, per consentire l’accesso alla zona del soppalco. La lavorazione più importante, infine, è rappresentata dalla sostituzione completa della copertura dell’immobile, che si presentava interamente e gravemente deteriorata, sia nelle strutture lignee, che nelle sue parti in laterizio. Le travi principali sono state sostituite con elementi di sezione trasversale 24×28 cm in legno lamellare di abete, mentre i travicelli, di sezione quadrata 10×10 cm sono stati realizzati in legno massiccio, sempre di abete. Le pianelle, dove possibile, sono state recuperate, ripulite e posizionate di nuovo in opera e solo in parte sostituite. Le finiture adottate per le nuove strutture lignee di copertura e soppalco, anche in accordo con le scelte relative agli altri elementi ed ambienti della casa, hanno previsto l’impiego dei toni chiari di colore ed in particolare il bianco, che è stato usato come colore predominante per la tinteggiatura di travi, travicelli, tavolati, pianelle, ringhiere ed elementi delle scale. Il tutto ha contribuito a conferire all’appartamento un gusto estremamente classico e senza tempo, che strizza però l’occhio a mode e tendenze più contemporanee, specialmente in fatto di sensazioni ed atmosfere.